Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Fa tappa anche a Fondi TenDance, il festival di danza contemporanea

Appuntamento il 21 e 22 ottobre

| di Rosa Shocking Associazione culturale
| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

L'immagine guida dell’edizione 2016 di TenDance, la sesta, è il flusso continuo dell'acqua, che nella Provincia di Latina scende attraverso torrenti e fiumi dai Monti Lepini, Ausoni ed Aurunci, per raccogliersi nella rete di canali e laghi dell'Agro Pontino e del Sud Pontino e riversarsi infine nel Mar Tirreno. “Per la struttura del festival di quest'anno ci siamo ispirati alla presenza di questo sistema di vasi comunicanti, posti a diversi livelli e connessi fra loro attraverso il movimento dell'elemento liquido” dichiarano i direttori artistici Ricky Bonavita e Theodor Rawyler, che scelgono tre città della provincia, Latina, Formia e Fondi per poter approfondire attraverso spettacoli, laboratori e tavole rotonde tre aree tematiche connesse alla danza. A Formia in collaborazione con il Teatro Bertolt Brecht il focus è sulla danza sociale e di comunità, a Fondi, in collaborazione con l'Ente Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi, ci confrontiamo nella splendida cornice di Palazzo Caetani e del Complesso Monumentale di San Domenico con il tema della formazione nella danza ed infine a Latina, in collaborazione con OperaPrima Teatro il tema è la relazione fra coreografia e drammaturgia. Il festival è realizzato con il contributo del Mibact e della Regione Lazio, con il sostegno dell’Ente Parco Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, il patrocinio dei tre comuni ospitanti ed è realizzato in collaborazione con il Teatro Bertolt Brecht di Formia, OperaPrima Teatro di Latina e le scuole di danza di Itri Fondi e Gaeta. Come già sperimentato con successo nelle precedenti edizioni, gli spettacoli saranno accompagnati da percorsi formativi rivolti alla comunità ed in particolare alle scuole di danza del territorio, alle quali sono offerti laboratori con gli artisti presenti al festival. La realizzazione dei laboratori a Formia, Latina, Gaeta, Fondi e Itri, è resa possibile grazie alla collaborazione con il Teatro Bertolt Brecht, OperaPrima Teatro, le scuole Centro Danza Skenè, Fondi Ballet e il Centro Danza Arteinmovimento.

 

PROGRAMMA TENDANCE FONDI 

21 ottobre

h 18 CHIOSTRO DI SAN DOMENICO Largo Luigi Fortunato  FONDI

 

INDACO - PRIMO MOVIMENTO
UN COLORE PER UN DANZATORE

di e con Fabio Ciccalè

Luci Danila Blasi
Una produzione: FC@PIN.D'OC
con il contributo di: MIBACT, REGIONE SICILIA ASSESSORATO AL TURISMO SPORT SPETTACOLO
Con il sostegno di San lo' - Roma
 

“Indaco” è la tappa conclusiva di un progetto solistico iniziato nel 2006 con “Count Down” e continuato nel 2009 con “Estatica Attitudine”. Come in un processo alchemico, che, attraverso le tre fasi (nigredo-albedo-rubedo), trasforma la vile materia in pietra filosofale, “Indaco” vuol essere il momento della temporanea consapevolezza del proprio linguaggio coreografico, un punto di arrivo prima di una nuova partenza. Come un’alchimista, il coreografo ricerca una verità, una conoscenza, un sapere, che diano significato alla propria opera. Un linguaggio che ha l'immediatezza dell'infanzia o della preistoria. Il corpo danza una danza “bambina”, nel senso che condivide con l'infanzia sia l'atteggiamento di estrema serietà, l'interesse rapito, esclusivo e severo per il gioco che compie, sia la perdita dell'attenzione e  dalla curiosità: passa da un luogo a un altro senza conseguenze, senza concludere, incurante. Ne deriva un universo emotivo che va dall'esilarante al patetico, dal grottesco all'estatico, dal realistico al surreale, in un movimento circolare e senza uscita che così sceglie di rimpossessarsi delle lacerazioni del mondo contemporaneo.
 

h 21 PALAZZO CAETANI Corso Appio Claudio 11 FONDI

 

LOOK ME INSIDE 

Coreografia e testo Giovanna Velardi

Luci Danila Blasi

Costumi Concetta Guercio

Musiche John Tavener " The Lamb"

Questa breve piece coreografica  è stata ideata su ispirazione dell'abito realizzato con un "tessuto di luce" creato da Concetta Guercio per la sua tesi con il professor Vittorio Vicari all'Accademia di Belle arti di Palermo, dal titolo "Look me inside - Indagine e progetto sui tessuti tecnologici per il costume coreografico"  La protagonista è un donna che non ha paura di esprimersi, che si mette a nudo e grazie alla scoperta del piacere nel donarsi, si illumina e non si vergogna di mostrare le sue fragilità. La danza disegna un percorso nell'ombra che diventa chiaroscuro fino ad arrivare alla luce, che trasforma chi danza in una  donna piena di vitalità come una luce che ti riempie dentro, che ti scalda il cuore. Una donna felice di amare di aver scoperto quel sentimento che alle volte è difficile provare, una donna che ti invita ad esprimerti. La difficoltà la rende fragile come i rami di un albero che si adattano al tempo, al clima, allo spazio,  ma allo stesso tempo la rende forte quando si propaga la luce, quando l'attraversa e la mette in risalto. Si concede a chi è curioso di lei e sa anche ribellarsi, giocare, rinnovarsi, come una suite di danza  che si compie nelle differenze ritmiche. Lei riflette gli altri  attraversata dalla luce, diventa specchio di un'immagine, quella che vogliamo essere piu' nostra.  La creatura sul palco traccia un percorso intimo di luce ed ombra proprio come siamo noi.  L'importante è guardarsi dentro, guardare dentro, guardarla dentro.

 

THE DIVIDED SELF

Coreografia Mauro Astolfi

Interpreti Serena Zaccagnini, Naomi Segazzi

Musica Norn, Amon Tobin

Una produzione Spellbound con il contributo

del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo

Divided Self descrive alcuni gradi della difficoltà e della limitazione della libertà che inevitabilmente impone la presenza di qualcuno vicino a noi. Cambia tutto quando non si devono spiegazioni del proprio modo d’essere, tutto “scorre” diversamente.

Così come è bello avere qualcuno con cui condividere…è altrettanto bello sentire il proprio silenzio e trasformarlo in azione. 

Mauro Astolfi

THE HESITATION DAY

Coreografia Mauro Astolfi

Interpreti Fabio Cavallo, Giacomo Todeschi, Mario Laterza, Giovanni La Rocca

Disegno Luci Marco Policastro

Musica Rival Consoles, Oto Hiax, Nils Frahm, Olafur Arnalds

Una produzione Spellbound con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo in  collaborazione con The  Egg/Albany, NY

" Hesitation day è quel giorno, quel momento dove c’è una sospensione temporanea di una azione, di un pensiero o di un giudizio. In realtà è un momento prezioso, quasi un reset dove ricordare cosa vogliamo portare di noi nel mondo esterno.

L’altro significato di “ esitare” e’ di trasportare qualcosa,di farlo arrivare a destinazione... proprio questo doppio e apparentemente opposto significato della parola ha innescato questo lavoro... a volte il non sapersi (apparentemente) decidere, sta comunque portando delle nostre informazioni da qualche parte e, di certo, qualcuno le avrà…Qualcuno ci

comprenderà. Ma per molti rimarremo illeggibili è indecifrabili, per tutti quelli che sapranno  leggere solo il movimento continuo e non tutto che è subito prima e subito dopo l’azione.  Mauro Astolfi

 

22 ottobre

 

Laboratorio - ore 15,00-16,30

Fondi Ballet di Caerina Petronelli - Via Giordano Bruno 6

PICCOLA DANZA CONTEMPORANEA laboratorio di danza contemporanea per bambini con Luca Braccia

 

Tavola rotonda  ore 17,00 – 19,00

Sala Lizzani, Complesso di San Domenico – Largo Luigi Fortunato

DANZA E FORMAZIONE

Qual è il rapporto tra la danza nelle sue varie espressioni e la formazione all'interno dei diversi ambiti? Come si può passare dalla danza amatoriale alla sfera professionale? Qual è l'incidenza dello studio della danza nel teatro contemporaneo di ricerca, e come si fonde all'interno di una più ampia visione artistica? Come incide sulla crescita culturale e sulla formazione del pubblico lo studio della danza nei suoi diversi settori di appartenenza? Chiediamo a docenti, studiosi e direttori di strutture, nonché operatori del settore, di condividere la propria esperienza nei diversi ambiti per suggerire ulteriori modalità di trasmissione e fruizione dell'arte della danza e della sua presenza/incidenza all'interno dello spettacolo dal vivo.

intervengono: Francesca Falcone – AND Accademia Nazionale di Danza, Gabriella Furlan Malvezzi - Padova Danza, Miriam Baldassari - CSEN Danza Roma, Barbara Tudini - Progetto Danza Latina, Amalia Salzano – presidente Aidaf/Agis

coordina: Ricky Bonavita – Compagnia Excursus

 

h21  PALAZZO CAETANI CORSO APPIO CLAUDIO 11 FONDI

 

TRAIN

Coreografia Simona Migliore

Musiche: Raffaele Sabella, Alessia Migliore, Fleshquartet

Interpreti: Simona Borghese, Emiliano Perazzini, Mariagiovanna Esposito, Mattia Raggi, Simona Migliore, Melania Lomartire

Ambientata sul vagone di un treno, uno spazio fisico e mentale, che diviene luogo nel momento in cui si conduce in esso la vita. Si alternano circostanze di intimità, come per la “donna pendolare”, oppure di relazione con gli altri, come per “l’incontro tra l’uomo e la donna”.

È dalle situazioni, dalle azioni e dai gesti quotidiani, sperimentati in chiave grottesca ed ironica che nasce e si sviluppa l’intera coreografia.

 L’esercito di persone in subbuglio, della prima parte, viene placato dal ritmo dell’attesa che accompagna il viaggio e dall’alternanza dei vari personaggi: l’uomo d’affari, le amiche, la donna pendolare e un uomo e una donna. Tutti immersi nel proprio quotidiano, che successivamente perde la connotazione di “proprio”, infatti ogni personaggio può contemporaneamente essere l’altro, e quindi in un crescendo tutti si preparano all’arrivo, portando con sé le esperienze e le emozioni di quel viaggio.

 

FRAMMENTI VIAGGIO NELLA MEMORIA. OMAGGIO A JIRI KYLIAN

Coreografia e regia Luca Braccia

Assistente alla coreografia Terry Aiello
con Simona Borghese, Luca Braccia, Paolo Pisarra, Giuliana Principato, Marika Mascoli e Vincenzo Zaccardi.
Musica Marco Melia – Arvo Part – Soap Trip – Dirk Haubrich
Editing audio Marco Melia
Luci, set, costumi Luca Braccia – Terry Aiello

Fra(m)menti – Viaggio nella memoria. Un omaggio a Jiri Kylian. , frutto dell’elaborazione personale di alcune tematiche kylianiane, è un lavoro che abbraccia parte dell’evoluzione creativa dell’artista. Fra(m)menti non è altro che un viaggio nella memoria remota alla ricerca di frammenti di ricordi che giacciono sul fondale dell'anima. Coerentemente con la poetica kylianiana, la memoria è il filo drammaturgico che lega i frammenti di esperienze, sensazioni ed emozioni della di vita. Il vissuto entra nel tessuto coreografico mentre le anime e i corpi prendono vita, proprio quei corpi che nella realtà sono segnati dal tempo.

 

IRREVERSIBILE MICHELE MEROLA PER PROGETTO DANZA LATINA

COREOGRAFIE D’AUTORE
con i danzatori di Progetto Danza Latina
coreografia Michele Merola
interpreti Gaia Benetti, Luigi D'Aiello, Sira Dell'Orco, Ilaria Gava, Desiree Laezza Desiree, Rachele Peloso, Beatrice Riccardi, Luca Ronci, Arianna Schiano, Michela Tiero, Filippo Venditti, Francesco Rosario Zappalà
Michele Merola collabora da tempo con Progetto Danza, la coreografia IRREVERSIBLE vuole rappresentare una sfida ed un arricchimento artistico per i giovani danzatori in formazione del gruppo diretto da Barbara Tudini.
 

COREOGRAFIE D’AUTORE con i danzatori del Corso di Perfezionamento Professionale Padova Danza Riconosciuto dal MiBACT

Progetto OFFBEAT.lab

Coreografia MATTEO LEVAGGI

B.Cat

Durata 15’ circa

Partendo dall'energia che scaturisce nel corpo la musica elettronica degli Art Zoyd, il coreografo Matteo Levaggi  porta in scena  un movimento tecnico graffiante, basato sulla prontezza e sullo scatto, in cui i danzatori con impeto sensuale e felino, si muovono nell'oscurità dello spazio scenico.

 

INFO Costo biglietto 5 euro - Tavola Rotonda ad ingresso libero  - laboratori ingresso libero con prenotazione obbligatoria Per info e prenotazioni Benedetta Boggio 3332062996 benedetta.bo@gmail.com

 

TenDance 2016

Direzione artistica - Ricky Bonavita e Theodor Rawyler

Direzione organizzativa - Danila Blasi

Amministrazione - Letizia Coppotelli

Segreteria organizzativa - Manuela Cirfera

Logistica - Giordano Novielli

Strategie della comunicazione – Giulia Di Tommaso

Promozione - Emiliano Solferino

Progetto grafico – Lorenzo Giansante  e Dimitrios Liakatas

Ufficio stampa e Comunicazione - Rosa Shocking  Benedetta Boggio

 

Con il contributo

MIBACT

Regione Lazio

Con il sostegno

Ente Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi

Con il patrocinio

Comune di Fondi, Comune di Formia, Comune di Latina

Partner

AND Accademia Nazionale di Danza, ATCL – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio, OperaPrima Teatro – Latina, Teatro Bertolt Brecht - Formia, Teatro del Lido – Ostia, CSEN Danza Roma, Fondi Ballet, Centro Danza Arteinmovimento – Itri, Centro Danza Don Bosco – Latina, Centro Danza Skenè – Gaeta, Coop. Soc. Meta Onlus, Ristorante e Bed And Breakfast Mblò – Fondi

Rosa Shocking Associazione culturale

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK