Scongiurato per un pelo il quinto suicidio grazie all'intervento dei carabinieri

| di Comando provinciale dei carabinieri
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Il 14 febbraio 2018,  i militari della locale tenenza, identificavano e deferivano in stato di libertà per il reato di  “porto abusivo di arma”, un 78enne del luogo. L’uomo, nella mattinata del 14 febbraio, nel recarsi presso un poliambulatorio del luogo, dove si sarebbe sottoposto ad accertamenti diagnostici, portava con se’ un revolver “smith & wesson” calibro 38, regolarmente detenuto, manifestando ad un suo conoscente  propositi suicidi  nell’ipotesi di esiti clinici infausti.

L’uomo, il cui  porto d’armi è risultato scaduto di validita’, veniva tempestivamente raggiunto dai carabinieri della tenenza del luogo, nel frattempo allertati, all’interno del suddetto centro diagnostico, dove l’arma in questione veniva rinvenuta in una tasca del suo cappotto e posta sotto sequestro unitamente a cinque cartucce dello stesso calibro. La successiva perquisizione domiciliare consentiva di rinvenire anche  un fucile da caccia sovrapposto cal. 12 unitamente a 45 cartucce. Il tutto, anche se regolarmente detenuto, è stato sottoposto a sequestro sequestrato.

Comando provinciale dei carabinieri

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK