L'ex consigliere Nicola Reale sulla morte di Sara Basso: "Nel 2003 avvertimenti inascoltati"

"Presentai un'interrogazione chiedendo perché fosse stata recintata un'area di proprietà comunale alla quale non ricevetti risposta, in quel cantiere poco dopo sarebbe sorta la piscina"

| di Nicola Reale, ex consigliere di Sperlongs
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Non vi è chi non sia rimasto profondamente turbato e addolorato dalla tragica morte di Sara Basso, la ragazza tredicenne risucchiata da un bocchettone a servizio dell’impianto di idromassaggio dell’Hotel Virgilio a Sperlonga. 
In questi giorni la stampa ha dato notizia che la struttura alberghiera già in passato era stata oggetto di sequestro giudiziario per irregolarità e abusi che avevano portato alla realizzazione di 70 stanze a fronte delle 30 autorizzate. Personalmente sento il dovere morale di dire pubblicamente quello che so, nell’intento di contribuire all’accertamento della verità e a rendere giustizia ai genitori di Sara.

Il 26 settembre del 2003, nel compimento del mio dovere istituzionale di consigliere comunale a Sperlonga, presentai una interrogazione al sindaco pro tempore per conosce come mai nel cantiere dove si stava costruendo l’Hotel Virgilio, risultasse recintata un’area di proprietà comunale destinata a verde pubblico e sulla quale si stavano realizzando opere di urbanizzazione primaria; chiedevo altresì di conoscere se tutti gli interventi erano stati autorizzati e da chi, se risultavano rispettati gli indici plano-volumetrici prescritti dal P.R.G. e se esistevano i nulla osta dell’Assessorato Regionale ai lavori Pubblici - trattandosi di zona sismica - e della Soprintendenza ai Beni Ambientali, trattandosi di rilevante costruzione ex novo. 

All’interrogazione non fu mai data alcuna risposta e solo tempo dopo fu possibile rilevare che in quell’area era sorta la piscina dell’Hotel Virgilio. 
Precedentemente a tale interrogazione, l’8 luglio, avevo rivolto domanda scritta al Comune (anch’essa rimasta senza esito) con la quale chiedevo di poter prendere visione, ed eventualmente avere copia, del fascicolo contenente gli estremi autorizzativi della concessione rilasciata per l’esecuzione delle notevoli opere di cemento armato che erano in esecuzione nel cantiere.
Forse mi feci una convinzione sbagliata, ma ho sempre pensato che anche quella piscina fosse stata costruita abusivamente.
 

Nicola Reale, ex consigliere di Sperlongs

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK