Sperlonga: grandi numeri ma ora il museo archeologico rischia una grave “crisi di crescita”

L’assessore D’Arcangelo e l’amministrazione scrivono una lettera aperta al ministro dei Beni Culturali e del Turismo

| di Stefano D'Arcangelo, assessore beni comuni e assetto territorio Sperlonga
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Siamo ancora a metà anno ma già ora si registra un grandissimo numero di visitatori al Museo Archeologico Nazionale di Sperlonga. 

I famosi Gruppi marmorei di fattura ellenistica, la grotta, le rovine della Villa imperiale di Tiberio  ed il mito di Ulisse sono sempre più motivo di grande attrazione per i visitatori, molti dei quali  sono sempre più stranieri e tantissimi studenti. 

 A fronte dei grandi numeri può sembrare paradossale, afferma L’Assessore Stefano D’Arcangelo, ma il nostro museo rischia ora una vera e propria “crisi di crescita” a causa di servizi primari e secondari ormai inadeguati e molto carenti,  co l’aggiunta ad una gestione sciatta,disattenta e priva della necessaria Direzione che non può più  essere svolta da Roma tramite del Polo Museale regionale del Lazio.

Abbiamo assolutamente bisogno, sottolinea  D’Arcangelo, di un Direttore che stia sul posto e che sia capace di progettare e realizzare nuovi interventi e servizi innovativi per assicurare la necessaria promozione culturale, attualmente inesistente, e di garantire in particolare la sosta degli automezzi e di migliorare  l’accessibilità e la fruizione al Museo e  all’Area Archeologica diventate ormai inadeguate  e molto  insicure.  

In questo In quadro, come comune di Sperlonga, abbiamo dato al Polo Museale regionale la nostra più ampia disponibilità e collaborazione proponendo a tal fine anche un apposito Protocollo d’intesa e di cooperazione inter-istituzionale verso il quale  non abbiamo avuto,  purtroppo ,alcun cenno di riscontro, nonostante i nostri numerosi solleciti.  

Per questo, dichiara l’Assessore, abbiamo deciso di rivolgerci al nuovo Ministro dei Beni Culturali e del Turismo attraverso una “lettera aperta”  in cui  vengono  individuati puntualmente   sia i punti di forza, sia i punti di debolezza da colmare al più presto per evitare, appunto, una grave e inaccettabile “crisi di crescita” del Museo e dell’Area Archeologica della Villa di Tiberio che costituisce un patrimonio storico-artistico e culturale di incomparabile bellezza di valenza universale da preservare e valorizzare  assolutamente.    

Stefano D'Arcangelo, assessore beni comuni e assetto territorio Sperlonga

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK