La carovana della sicurezza stradale fa tappa a Sperlonga

Tra i mezzi all'avanguardia che si sono fermati nella Perla del Tirreno anche una Porsche Panamera Hybrid di ultima generazione per il trasporto di organi e plasma

| di Luca Borghi - Responsabile comunicazione “Mille e 118 Miglia del Soccorso”
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

E’ partita il 24 settembre alle 11 da piazza VIII Agosto, nel cuore di Bologna, la seconda edizione de “La Mille e 118 Miglia del Soccorso”. La carovana della sicurezza stradale – ambulanze, mezzi tecnici di Anas e di assistenza stradale, motomediche e volontari – si farà strada sotto la scorta della polizia municipale per iniziare il lungo tour. Venti piazze, da Nord a Sud della Penisola per incontrare sindaci, scuole, associazioni di volontariato e cittadini. Ed è con questo spirito che oggi 2 ottobre La Mille e 118 Miglia del Soccorso è arrivata a Sperlonga in piazza Fontana.

I più tecnologici mezzi di soccorso, compresa una Porsche Panamera Hybrid di ultima generazione per il trasporto di organi e plasma, le turbine dell’Anas e le motomediche solari saranno in esposizione assieme a corsi gratuiti di primo soccorso e rianimazione. Obiettivo: promuovere, sviluppare e perseguire la cultura del primo soccorso e della sicurezza stradale oggi più che mai devono essere concetti che danno vita ad azioni concrete. E diventare pilastri su cui rifondare i valori sociali, civili e culturali della nostra società. Perché il rispetto della legalità sulla strada significa innanzitutto cambiare i propri atteggiamenti. Dobbiamo infatti abbandonare tutte quelle cattive abitudini - purtroppo di uso comune – che rischiano di generare tragedie evitabili.

Scendere dall’auto senza guardare lo specchietto, parcheggiare in doppia fila, utilizzare in modo indiscriminato gli smartphone non devono più essere pensati come semplici e innocue “leggerezze”. Sono comportamenti che minano la legalità e la sicurezza di ognuno di noi. Solo così, con un profondo cambiamento culturale, si ha la possibilità di salvare delle vite. Un concetto che non può essere portato alla ribalta solo quando la società si confronta con la morte. Insomma, dobbiamo passare dalle parole ai fatti, attraverso percorsi, permanenti e coordinati, di informazione e formazione condivisi da tutti: amministratori, associazioni, operatori della sicurezza, cittadini.

Così come partecipare attivamente ai percorsi di formazione del soccorso significa dare un senso concreto all’esistenza. Chiunque, infatti, può trovarsi di fronte a una vera e propria emergenza: in casa, a scuola, al lavoro, per strada, durante il tempo libero. Sapere affrontare l’imprevedibile, sotto il profilo dell’assistenza, è indispensabile.

“E’ con questo spirito altruistico e completamente gratuito che La Sorgente Onlus, associazione di volontariato con sede a Granarolo dell’Emilia – commenta il direttore sanitario, Cristian Manuel Perez, ideatore dell’evento -, ed Anas, che ringrazio sentitamente per aver sempre creduto nel nostro progetto di rinnovamento culturale, hanno deciso di investire ancora nell’opera di divulgazione ed affermazione della cultura della sicurezza stradale mettendo in campo la seconda edizione de “La Mille e 118 Miglia del Soccorso”. Un evento on the road – con partenza da Bologna il 24 settembre 2018 e rientro sempre a Bologna l’8 ottobre dopo aver toccato da Nord a Sud 20 città italiane – per incontrare studenti, istituzioni, associazioni di volontariato, istituti di ricerca e cittadini. Obiettivo: diffondere la cultura della sicurezza stradale, intesa come valore prioritario della legalità e della coscienza della società civile, e l’importanza essenziale rivestita dalla formazione al soccorso”.

La Mille e 118 Miglia del Soccorso farà dunque tappa in 20 città dove cittadini e studenti avranno la possibilità di seguire dei mini corsi – completamente gratuiti – di primo soccorso. Sotto la lente: dalla corretta telefonata di richiesta di intervento alle tecniche di immobilizzazione, dalla prima rianimazione al tempestivo utilizzo del defibrillatore.

Inoltre, saranno simulati dei veri e propri incidenti per far capire a tutti quali sono e come si svolgono le fasi cruciali del soccorso e dei rilievi da parte degli operatori di polizia. Infine, attraverso il nuovo “percorso ebbrezza” ideato da Mapfre Assistance i giovani – indossando degli occhiali particolari – avranno l’esatta percezione delle alterazioni fisiche e psicologiche che si scatenano quando ci si mette alla guida sotto l’effetto di alcol e sostanze stupefacenti.

Luca Borghi - Responsabile comunicazione “Mille e 118 Miglia del Soccorso”

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK