"Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro": il ricordo delle vittime di targhe e riconoscimenti

| di Anmil
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA
Il corteo dell'Anmil con le autorità e gli invalidi del lavoro

Domenica 14 Ottobre si è svolta a Fondi (LT) la 68^ Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro.

L'appuntamento  in Piazza San Francesco dove si sono radunate le centinaia di invalidi e famigliari giunti da tutta la Provincia, è proseguito con la S. Messa in suffragio dei Caduti sul Lavoro celebrata nella Chiesa di S. Francesco e officiata dal Vescovo dell'Arcidiocesi di Gaeta, Monsignor Luigi Vari che ha avuto parole di sostegno e umana comprensione verso le vittime del lavoro.

 Erano presenti il Sindaco del Comune di Fondi, Salvatore De Meo; l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Fondi, Onorato Di Manno; l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Fondi, Dante Mastromanno; l’Assessore all’Ambiente del Comune di Fondi, Roberta Muccitelli; i Consiglieri Comunali di Fondi, Sergio Di Manno e Sandra Cima; il Presidente del Consiglio comunale di Monte S. Biagio, Annamaria Ferreri; il Vice Sindaco del Comune di Monte San Biagio, Laura Mirabella; il Vice Sindaco del Comune di Lenola, Severino Marrocco; il delegato alle politiche territoriali di Monte San Biagio, Simone Papolla; il Segretario Generale UGL Lazio, Armando Valiani;  il Comandante della Stazione Carabinieri, Emilio Mauriello; il Direttore della Sede INAIL di Latina, Massimo Potestà. Per l’ANMIL il Presidente Territoriale, Elio Compagnucci; il Consigliere Nazionale, Debora Spagnuolo; i Consiglieri, Giorgio Nardin, Giuseppe De Martin e Gianni Del Vescovo.

Al termine della S. Messa, un lungo corteo con gonfaloni e bandiere associative si è recato fino al Monumento realizzato dall’amministrazione comunale di Fondi, dedicato ai Caduti sul Lavoro in Piazza Alcide  De Gasperi per la deposizione di una corona di alloro in memoria  delle Vittime del Lavoro .

Presso la sala convegni del Castello Caetani si è svolta la cerimonia civile con il saluto del Sindaco di Fondi, Salvatore De Meo che ha rimarcato l’importanza dell’Associazione e il suo impegno nei confronti delle persone infortunate. Ha ringraziato l’ANMIL per la scelta della sua cittadina come sede dell’importante manifestazione.

Il Presidente Territoriale Elio Compagnucci, ha ringraziato il Sindaco di Fondi per l'ospitalità e tutte le Autorità presenti. Dopo un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime del lavoro, ha proseguito il suo intervento rimarcando che la salute e la sicurezza sul lavoro sono una priorità per il futuro del nostro Paese e per le nuove generazioni, una riflessione che si impone prepotentemente in un momento storico in cui l’incertezza e la preoccupazione per il futuro sono diventate una costante, dopo anni di crisi che hanno avuto riflessi negativi sia a livello sociale che economico e di conseguenza, anche sull’andamento del fenomeno infortunistico, a conferma di quanto la precarietà sia strettamente correlata alla numerosità degli incidenti.

Il Direttore  dell'Inail di Latina, Massimo Potestà, ha ringraziato l'ANMIL per l'invito e ha ricordato l'impegno  dell'Istituto verso la repressione del fenomeno infortunistico. Ha sottolineato che l'INAIL è impegnata con particolare attenzione alla realizzazione dei progetti finalizzati non soltanto al raggiungimento di una migliore  performance psico-fisica, ma anche all'elaborazione di progetti di inclusione sociale  e lavorativa, in funzione delle capacità residue  della persona. Il Consigliere Nazionale dell’ANMIL, Debora Spagnuolo ha ricordato l’infortunio mortale cui è rimasto vittima il marito Pino Esposito caduto dal tetto di un capannone dove stava lavorando e le lungaggini burocratiche della giustizia che rimanda e tarda sempre troppo ad emettere le sentenze che diano dignità alla persona deceduta e ai propri congiunti. La Sig.a Spagnuolo ha rimarcato il suo impegno, già da quel terribile evento, rivolto soprattutto alla prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro, anche all’interno della sua Scuola con il Concorso “Primi in Sicurezza”  e con il progetto “Icaro” volto ad una sensibilizzazione sul tema degli infortuni dei ragazzi che saranno i lavoratori del futuro. Ha auspicato che la piaga dei tanti, troppi incidenti sul lavoro trovino l’impegno e le soluzioni più opportune da parte di tutti, lavoratori, datori di lavori e rappresentanti delle Istituzioni affinchè sul lavoro non si debba più perdere la propria vita.

Dopo gli interventi di tutti gli altri partecipanti, si è svolta la cerimonia di premiazione di alcuni grandi invalidi e invalidi minori da parte del Direttore dell’INAIL Massimo Potestà. Hanno ricevuto il Distintivo d’onore gli invalidi del lavoro: Costanzo Mandolesi e Andrea Frateschi, Soci ANMIL.

Una targa ricordo è stata conferita dal Presidente Compagnucci, alla D.ssa Annamaria Ferreri per l’impegno profuso nell’organizzazione della 68^ Giornata per le vittime degli Incidenti sul Lavoro.

Al termine della cerimonia civile, tutti i partecipanti si sono ritrovati presso il Ristorante “Al Boschetto” per il pranzo sociale. 

Anmil

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK