Assolto il dirigente della Regione Raniero De Filippis: l'intervento della consigliera Paparello

| di Maria Civita Paparello, consigliera Pd Fondi
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Quattro anni e dieci mesi fa esattamente giungeva la notizia del fermo del dott Raniero De Filippis

coinvolto, nella sua qualità di Dirigente Infrastrutture, Ambiente e Politiche Abitative della Regione Lazio, nello scandalo dei rifiuti con Manlio Cerrone.

Allora fu dato grande risalto alla notizia, ma nessuno sottolineò una stranezza significativa: non gli era mai stato notificato alcun avviso di garanzia, come se il suo nome fosse stato inserito all’ultimo momento nell’elenco degli arrestati.

Il dott. De Filippis apprese infatti la notizia del suo arresto dalla radio, mentre viaggiava verso la sede della Regione un lunedì mattina. Fu allora ricondotto a casa dalla polizia e immediatamente sollevato dal suo incarico. Atto dovuto in caso di arresto, ma quando la misura restrittiva decadde qualche mese più tardi non fu più richiamato dalla Regione. La legge in effetti lascia la facoltà all’Ente di riammettere la persona in servizio o attendere che “la legge faccia il suo corso" ed è questa la strada scelta dalla Regione Lazio.

Fiumi d’inchiostro furono spesi all’epoca da molti giornali, che diedero grande risalto alla notizia compreso qualche titolo nostrano e soprattutto un blog dove qualcuno dichiarava apertamente la sua soddisfazione per l’arresto. Ora che la legge ha fatto il suo corso e che è stata dimostrata incontestabilmente la sua estraneità ai fatti di cui era accusato, questi signori si guardano bene dal fare auting e ammettere di aver troppo tempestivamente condannato una persona. Probabilmente in quell’accanimento c’era forse solo invidia personale.

Noi - scrive la consigliera del Pd Maria Civita Paparello in una nota fiume - abbiamo sempre creduto all’innocenza di Raniero De Filippis e siamo particolarmente felici ora che finalmente è stata conclamata. È trascorsa quasi una settimana dal pronunciamento della sentenza di piena assoluzione e ci rendiamo conto che c’è un silenzio assordante da parte di certa stampa e di alcune persone che per anni hanno sputato fango e veleno.

Maria Civita Paparello, consigliera Pd Fondi

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK