Sequestro di persona a scopo di rapina ed estorsione: un arresto

Brillante operazione degli uomini del commissariato di polizia di Fondi

| di Questura di Latina
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Brillante attività investigativa del commissariato di polizia di Fondi che ha condotto all'arresto di una persona responsabile di sequestro di persona allo scopo di rapina, estorsione ed altro, in concorso con altro soggetto indagato in stato di libertà.

La nota ufficiale della Questura in versione estesa

La Polizia di Stato – Questura di Latina al termine di delicate e articolate investigazioni, ha dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di un maggiorenne e contestualmente ha deferito in stato di libertà un minorenne, resisi responsabili, in concorso tra di loro, dei reati di SEQUESTRO di PERSONA con finalità di RAPINA AGGRAVATA e con uso di ARMA da TAGLIO – ESTORSIONE – LESIONI AGGRAVATE.

Le indagini, esperite dal personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato PS di FONDI, hanno avuto inizio a far data dall’ottobre 2018 allorquando il personale investigativo veniva contattato da un giovane di Fondi identificabile in M.F. di anni 30 circa il quale raccontava agli operatori di essere stato vittima di un sequestro di persona a scopo di rapina, ad opera di due giovani di nazionalità albanese, di cui uno minorenne, a lui ben conosciuti che, dopo averlo fatto salire con l’inganno sulla stessa auto della vittima, lo obbligavano sotto la minaccia di un coltello a serramanico, a consegnargli il portafogli, il telefono cellulare e le chiavi dell’auto alla cui guida si poneva uno dei due pericolosissimi cittadini rapinatori che si dirigeva in zona mare ove il giovane sventurato veniva picchiato.

Dopo questa prima fase di violenza la vittima, dolorante e sottomessa, veniva  trasportata con la forza presso uno sportello di una banca locale ove veniva costretta, sempre sotto la costante minaccia dell’arma da taglio a rivelare il codice pin del proprio bancomat che veniva utilizzato da uno dei rapinatori per effettuare un prelievo di contanti e subito dopo la vettura si dirigeva in zona periferica ove il giovane sventurato veniva nuovamente aggredito fisicamente con calci e pugni tanto che al termine della disavventura era costretto anche a rivolgersi ai sanitari del locale pronto soccorso.

L’incubo per il giovane fondano aveva termine solo quando i suoi aguzzini, stanchi delle loro azioni violente decidevano di far ritorno in Fondi, non prima di aver prelevato il portafogli ed il cellulare del giovane malcapitato e lasciato la vittima in preda al terrore per eventuali ulteriori ritorsioni.

Una attenta e minuziosa raccolta degli elementi probatori hanno permesso agli investigatori di accertare la veridicità delle dichiarazioni rese dalla parte lesa e, soprattutto, hanno permesso alla competente A.G. di emettere l’ordinanza custodiale nei confronti di uno dei due rapinatori, il maggiorenne T.I. nato in Albania di anni 20, mentre per T.A. in virtù della sua giovane età, si è solamente proceduto in stato di libertà alla Procura per i Minorenni.

Il T.I. dopo le formalità di rito è stato associato presso la Casa Circondariale di Latina per ivi permanervi a disposizione della competente A.G..

Il video-racconto del dirigente Franco Pellegrino

Un malvivente era fuggito l'altro è minorenne: una brutale aggressione che ha rischiato di restare impunita

 

L'arrestato esce dal commissariato per essere trasferito in carcere

Questura di Latina

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK