Revoca appalto rifiuti: l'interrogazione di "Sperlonga Cambia"

Una decisione così importante, lamentano i consiglieri di minoranza, è stata presa alla vigilia dall'estate e appresa dai più dai giornali in totale mancanza di una comunicazione ufficiale

| di Ufficio stampa "Sperlonga Cambia"
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

La revoca dell’appalto relativo alla raccolta dei rifiuti da parte del Comune di Sperlonga è una notizia che stupisce, ma non sorprende. Stupisce, in quanto giunge dopo anni di disagi, disservizi e inefficienze, più volte denunciati dal nostro gruppo consiliare e puntualmente sminuiti dalla maggioranza del sindaco Cusani. Allo stesso tempo, però, la notizia non sorprende, in quanto è la naturale conseguenza di un servizio che sin da subito ha mostrato tutte le sue criticità, aggravatesi con il sequestro del centro di raccolta di Vallesica, e di un’Amministrazione totalmente incapace nel risolvere i problemi del paese

E' quanto riferiscono i consiglieri del gruppo di minoranza "Sperlonga Cambia" in una nota.

La comunicazione inviata alla ditta Servizi Industriali s.r.l., a firma del nuovo responsabile dell’Ufficio Tecnico, arch. Francesco Paolo Zannella, parla infatti di “gravi inadempienze” e di una “situazione non più tollerabile”.

Oltre alla realtà di un paese sempre più sporco e trascurato - prosegue la nota  è la stessa Amministrazione a certificare nero su bianco le problematiche sollevate dal nostro gruppo consiliare, spesso bollate dalla maggioranza del sindaco Cusani come polemiche strumentali.

Negli ultimi anni, i cittadini hanno subìto sulla propria pelle le conseguenze di un sistema di gestione del servizio dei rifiuti totalmente carente, inadeguato e inefficiente, con pesanti ripercussioni non solo sul decoro urbano e sull’immagine del paese, ma anche sulle casse pubbliche. In consiglio comunale, abbiamo sollevato più volte il problema dei costi del servizio, che rappresentano un vero buco nero nel bilancio comunale. A tutto questo si aggiunge la conferma da parte della Cassazione del sequestro preventivo del centro di raccolta di via Vallesica, considerato pericoloso per la salute pubblica. Il sindaco Cusani e la sua maggioranza hanno sempre minimizzato, millantando risparmi per le casse pubbliche e risultati ottimali. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e certamente non sono ottimali, al punto che l’appalto è stato revocato.

A destare preoccupazione, tuttavia, non è tanto il fatto che una notizia così importante per un paese che ha aperto le porte ai primi turisti si sia appresa dai giornali, nell’indifferenza di assessori e consiglieri maggioranza, quanto il fatto che la risoluzione del contratto d’appalto arrivi a ridosso della stagione estiva. Ad oggi non è dato sapere quali siano in merito le intenzioni dell’Amministrazione comunale.

La stagione turistica a Sperlonga è appena iniziata e già nel corso del mese di aprile si sono registrati diversi disservizi relativi alla raccolta dei rifiuti. Cittadini, imprenditori e commercianti sono preoccupati delle possibili ripercussioni che tutto questo potrà avere in vista dell’estate ormai alle porte e hanno bisogno di risposte celeri e di provvedimenti concreti. Per questo motivo, abbiamo presentato un’interrogazione al sindaco Cusani per chiedere quali azioni l’Amministrazione intende adottare per tutelare la salute dei residenti di Vallesica e per garantire la continuità del servizio e il decoro urbano.

Ufficio stampa "Sperlonga Cambia"

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK