Ancora risse nel centro storico di Fondi: il duro intervento di Destra Sociale

| di Destra Sociale Fondi
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

La Destra Sociale di Fondi torna a denunciare l'estrema condizione di degrado in cui versa il Centro storico di Fondi, un tempo cuore pulsante della sana e laboriosa gente fondana e oggi divenuto più simile ad un sobborgo del quarto mondo.

Tutto questo grazie a determinati e spregiudicati proprietari di immobili disposti ad affittare in qualunque circostanza e all'insediamento numeroso e crescente di elementi extracomunitari che arrivano in città con la giustificazione della forza lavoro e che poi si rivelano ben propensi a delinquere e per nulla intenzionati ad integrarsi nel tessuto sociale fondano.

In qualità di segretario della Destra Sociale - scrive Alberto Di Fazio - ma anche come proprietario di immobile famigliare presente nel Centro storico sono testimone diretto di fattacci che avvengono ormai quasi quotidianamente, riguardanti ubriachi molesti, risse furibonde ed operazioni antidroga che impegnano i vari corpi delle forze dell'ordine, con il risultato finale che riproduce uno scenario che ricorda molto da vicino certi telefilm anni '70 americani. 


E' dunque questo il punto a cui siamo arrivati, trasformando quello che fu definito "centro commerciale naturale" e storicamente fulcro della vita fondana in un luogo quasi estraneo alla città stessa, a sua volta morente dal punto di vista commerciale e verosmimilmente aviata a diventare un enorme dormitorio per i suoi residenti.
Eppure già da qualche mese la Destra Sociale aveva inviato tramite PEC al Comune di Fondi (Prot. in arrivo N. 00058601 del 18-10-2019 alle 12:36:17) una raccolta firme per evidenziare le problematiche di ordine pubblico e non solo nel centro cittadino (via Roma inclusa) con conseguente richiesta al Sindaco Salvatore De MEO perché si attivasse doverosamente per soccorrere i suoi cittadini, ma nulla è accaduto: a questo punto, ci chiediamo se il sindaco sappia che a Fondi esiste un centro storico, o se crede che si tratti di uno stato autonomo modello Vaticano in Roma.
Fatto sta che la Destra Sociale non intende permettere che il "castrum" fondano, uno dei più grandi e belli d'Italia, così ricco di storia ed arte finisca per diventare una "banlieu" che di fondano non avrebbe più nulla, allontanando non solo i residenti ma anche i turisti, quei turisti che - chissà perché - ogni estate preferiscono altre mete vacanziere limitrofe e non la città "fondata da Ercole".
Lo comprendono bene sindaco e amministratori: la Destra Sociale è qui per operare per il bene della città e la sua comunità, ma non guarderà in faccia a nessuno.

Destra Sociale Fondi

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK