Maxi inchiesta sui carburanti: c'è anche un indagato di Fondi

Rubavano alla Q8 per rivendere a distributori compiacenti: Associazione a delinquere, furto con destrezza, ricettazione e sottrazione al pagamento dell'accisa suo prodotti energetici i reati ipotizzati

| di La Redazione
| Categoria: Cronaca
STAMPA

Compravano low cost da chi aveva rubato ma rivendevano ai prezzi di mercato con guadagni considerevoli: c'è anche un uomo di Fondi tra i 49 indagati nell'ambito della maxi inchiesta della Guardia di Finanza di Napoli sul traffico di carburante.

Secondo le indagini e le intercettazioni delle Fiamme Gialle il gasolio veniva rubato e poi rivenduto a distributori compiacenti. Le indagini sono partite nel 2016 dopo l'ennesimo furto ai danni della Q8 Petrol di Napoli. Da qui, il carburante trafugato veniva poi spedito a Benevento, Caserta, Avellino e Fondi. Nei giorni scorsi al titolare del distributore è stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini ma, per il momento, nessun sequestro a differenza di quanto accaduto nel capoluogo partenopeo.
Associazione a delinquere, furto con destrezza, ricettazione e sottrazione al pagamento dell'accisa suo prodotti energetici i reati di cui potrebbero essere accusati i 49 indagati dopo il rinvio a giudizio.

La Redazione

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK