Accusato di detenzione e spaccio: assolto in tempi da record

Al 36enne era stata contestata anche l'aggravante dell'ingente quantità essendo stati sequestrati oltre 5 kg di droga.

| di La Redazione
| Categoria: Cronaca
STAMPA

Impossibile dimostrare chi nascose la droga, assolto.

E' finito in tempi da record il processo a carico di Vincenzo Zizzo, di Lenola, 36anni, accusato di detenere per finalità di spaccio 2 chili e 300 grammi di cocaina, 2 chili e 800 grammi di hashish e 12 grammi di shaboo: poco più di 5 chili in totale tant'è che al presunto pusher era stata contestata anche l'aggravante dell'ingente quantità.

Giulio Mastrobattista, avvocato dell'imputato, è invece riuscito a dimostrare che non esistono prove per stabilire di chi era effettivamente la droga rinvenuta in un'officina accessibile a diverse persone. L'integrazione presentata ha convinto il gup Pierpaolo Bortone che, al termine del processo abbreviato, ha assolto l'imputato.

La Redazione

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK