Partecipa a FondiNotizie.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Sperlonga: un nuovo e più proficuo rapporto tra il museo archeologico e la città

Il delegato ai beni culturali e paesaggistici Stefano D'Arcangelo parla dei suoi progetti

Condividi su:

Stefano D’arcangelo: Tra i nostri interventi prioritari, compresi nel Protocollo d’Intesa con il Polo museale del Lazio, c’è la forte volontà istituzionale di ricostruire il “cordone ombelicale” tra il Museo e La Villa di Tiberio con la città ed i suoi cittadini, di oggi e del domani” 

L’entrata del Museo di Sperlonga nel Polo Museale del Lazio ha ridestato, giustamente, l’attenzione pubblica e mediatica verso un patrimonio storico-artistico, culturale e paesaggistico di incomparabile bellezza. E’ questa, afferma il Delegato ai Beni culturali e paesaggistici Stefano D’Arcangelo, una grande occasione da cogliere pienamente per rilanciare in grande stile  il mito di Ulisse , nonché , la notorietà e l’immagine del nostro territorio anche in ambio nazionale e internazionale.

Tutto questo richiede  perciò uno sforzo ed un impegno convinto  e sinergico delle istituzioni  e degli organi preposti  ai diversi livelli : comunali, regionali , nazionali e dell’Unione Europea, finalizzati a migliorare i servizi , l’accessibilità e la fruizione dei  del Museo e dei Beni naturalistici che costituiscono appunto un “Unicum” ambientale, artistico e storico–culturale da preservare e valorizzare nei suoi molteplici  aspetti .

In questo contesto, più  generale e di grande interesse,  si muove anche il nostro  primo progetto strategico di accessibilità costituito dalla connessione funzionale  tra il Centro storico , Via Tiberio e l’attuale pista ciclabile (trasformata in pista ciclo-pedonale ) fino al Museo e all’itinerario dell’antica Vi Flacca  sovrastante  la Grotta di Tiberio,  da cui  è  possibile ammirare, in tutto il suo splendore, un paesaggio marino e terrestre  di grande fascino suggestione .      

Stiamo parlando, continua D’Arcangelo,   di un percorso di fatto già esistente,  che non richiede grandi impegni finanziari ma  necessità invece  il potenziamento  dei  servizi e la messa in campo  di efficaci  azioni  promozionali e di animazione storico-culturale.  Ritengo  che  questo progetto sia  davvero fattibile e realizzabile  in tempi relativamente  brevi  e diventare presto una  stupenda  passeggiata nel  solco della storia e del mito di Ulisse.  

In questo scenario si inserisce inoltre il progetto della realizzazione dell’ascensore di collegamento   tra il parcheggio multipiano di Corso San Leone  con il parcheggio della spiaggia dell’ Angolo e, quindi la immediata connessione  con la pista ciclo-pedonale che raggiunge il Museo , la Villa di Tiberio ed il cammino dell’antica Via Flacca , già fruibile

La realizzazione di questo importante servizio pubblico consentirà il totale  abbattimento delle attuali barriere  architettoniche, in particolare  peri disabili e le persone anziane, che  favorirà fortemente l’accessibilità e lo scambio dei flussi turistici tra il Centro storico con la Piana di Tiberio e la stupenda la sua stupenda spiaggia cosiddetta  dell’Angolo .    

Stiamo lavorando alacremente in questi giorni al perfezionamento di questo importante  progetto che  presenteremo, dichiara D’Arcangelo, nelle prossime settimane alla Regione Lazio in virtù di un  apposito bando pubblico regionale destinato proprio al finanziamento  di opere e servizi  di accessibilità nonchè  di promozione e Valorizzazione dei litorali costieri del Lazio.

Si tratta, conclude Stefano D’Arcangelo, di una scommessa che possiamo e dobbiamo vincere nell’esclusivo interesse della nostra collettività e innalzare e così   la qualità  turistica,  socio-economica e  culturale di Sperlonga.

Condividi su:

Seguici su Facebook