Premio “LE RAGAZZE DI VIA SAVOIA” A Marco Grossi e Virginio Palazzo per il libro su “Roma ore 11”

| di La Redazione
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Al Segretario dell’Associazione Giuseppe De Santis Marco Grossi e al Consigliere delegato Virginio Palazzo è stato attribuito il riconoscimento “Le ragazze di via Savoia” per la pubblicazione “Roma ore 11. I 60 anni di un capolavoro“. Il volume è stato pubblicato nel 2013 in occasione della ricorrenza del film di Giuseppe De Santis e presentato nella serata di anteprima della 69^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

La premiazione avrà luogo a Roma Venerdì 16 Maggio 2014 presso la Sala conferenze Ugl “Giuseppe Landi” in via delle Botteghe Oscure n°54 nel corso del convegno “Le ragazze di via Savoia”. Il premio sarà conferito anche all’attrice Antonella Lualdi, che fu giovanissima interprete del film Tre storie proibite di Augusto Genina.

"Questo convegno – spiega il promotore dell’evento, il segretario confederale dell’Ugl Geremia Mancini – si ripromette di ricordare, attualizzandolo, un evento accaduto a Roma nel 1951 e che scosse fortemente l’opinione pubblica. L’episodio riguardò innumerevoli ragazze, romane e laziali, recatesi in via Savoia per essere esaminate per un solo posto di dattilografa. La calca che ne seguì causò la morte di una di loro, Anna Maria Baraldi, ed il ferimento di numerosissime altre. La vicenda portò ad uno sciopero generale, sollevò il dramma occupazionale e ricevette anche l’attenzione di due grandi registi come Augusto Genina e Giuseppe De Santis, i quali vi si ispirarono rispettivamente per i film Tre storie proibite e Roma ore 11. Speriamo che questa storia rappresenti uno spunto importante per riflettere sulla mancanza di lavoro, soprattutto femminile, e la difficoltà nel trovarlo, all’epoca così come oggi".

Al convegno prenderanno parte, tra gli altri, alcune delle ragazze sopravvissute al crollo della scala nel 1951 e gli studenti dell’Istituto “Spellucci”, Centro di formazione professionale di Roma che dal 1936 ha sempre curato corsi di dattilografia. Per l’occasione verrà presentata da parte dell’Iper Ugl una documentata ed attuale indagine sulla condizione del lavoro al femminile.

La Redazione

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK