"Adotta un Torpedino": gli agricoltori della Piana di Fondi sempre più vicini all'agricoltura solidale

| di Tiziana Briguglio, giornalista, agroalimentare in rosa comunicazione
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Con “Adotta un Torpedino”, tutte vendute le 6000 piantine di pomodoro  offerte anche quest'anno dai produttori della Piana di Fondi per contribuire a sostenere, di concerto con l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Fondi, le attività benefiche di due importanti realtà non profit del territorio: il centro diurno per disabili adulti L'Allegra Brigata e il centro culturale Il Cortile dell’Aquinate.

Sono bastate infatti poche ore per esaurire tutti i plateau disponibili, con richieste arrivate perfino da oltremanica, a dimostrazione di quanto il mini sanmarzano del basso Lazio sia ormai amato e apprezzato anche al di fuori dei confini nazionali. 

“Siamo stati talmente travolti dalle richieste da non riuscire nemmeno a partire con  la campagna pubblicitaria – commenta l’amministratore  della Torpedino srlMariano Di Vito -  A piacere ai nostri estimatori non solo l'opportunità di assicurarsi un prodotto unico, ma anche quella di aiutare concretamente ed essere solidali con chi è meno fortunato di noi”.

Un'occasione dunque per far passare la cultura del cibo attraverso percorsi virtuosi e sostenibili tali da non disperdere la ricchezza agricola esclusiva di questa porzione del Lazio meridionale e proteggere allo stesso tempo anche il tessuto sociale nella sua interezza soprattutto dopo la pandemia.

“Oggi più che mai fare del bene è una necessità perché il sociale è davvero un'opportunità per tutti, aziende e cittadini, e mi piacerebbe che anche altri imprenditori seguissero il nostro esempio"

 ha continuato Mariano Di Vito nel sottolineare anche quanto il pomodoro Torpedino sia riuscito negli anni a farsi interprete della storia, delle tradizioni e dell'ambiente in cui viene prodotto e coltivato con un occhio sempre più attento alla salvaguardia del suolo e all'ottimizzazione delle risorse idriche.

Opportunità e sfide che con il progetto “Adotta un Torpedino”, si traducono anche in una partecipata opera di solidarietà volta all'inclusione dei più deboli attraverso programmi agili e di interazione come quelli messi a punto  quest'anno dai  due centri diurni beneficiari dei proventi.

“Siamo felicissimi che aziende così radicate nella nostra realtà come Torpedino – commenta l’Assessore alle politiche sociali Sonia Notarberadino -  si adoperino in forme d’imprenditoria etica attraverso piccoli gesti che però possono contribuire in maniera significativa a far sentire le persone bisognose di aiuto parte attiva della comunità. Esempio per tutti il progetto di agricoltura solidale fortemente voluto  dalla psicologa e psicoterapeuta Angela Carnevale per  favorire l’inserimento lavorativo  di alcuni dei  30 ragazzi con abilità differenti  che quotidianamente trovano ospitalità all’Allegra Brigata. Ad essere coltivati, oltre a pomodori,  melanzane e frutti di bosco, anche una piccola produzione di asparagi destinata  al consumo interno. Il Centro, gestito dalla Cooperativa sociale Astrolabio, si è infatti specializzato nello sviluppo di attività socio-educative e riabilitative finalizzate a stimolare le capacità residue di questi soggetti con l’obiettivo di restituire loro  fiducia e autostima".

Socializzazione,  accoglienza  e apertura al dialogo che sono anche alla base del  lavoro svolto dal   Centro culturale il Cortile dell’Aquinate  tramite l'aiuto allo studio per bambini e ragazzi multietnici e corsi di italiano a donne extracomunitarie. “Siamo entusiasti di essere tra i beneficiari  del  progetto  Adotta un Torpedino che proprio per la sua straordinaria semplicità può far conoscere le eccellenze della città di Fondi in tutt’Italia – dichiara Suor Florenza Alcamo, siciliana di origine ma laziale di adozione, da anni impegnata nel volontariato della cultura.  Grazie al ricavato  delle piantine potrà far partire i campi scuola  in programma per il mese di agosto  e sostenere le spese per l'acquisto  di microfoni e casse acustiche. A supportarla nelle attività più di 70 ragazzi provenienti  dagli istituti superiori Pacinotti  e Libero De Libero  che quotidianamente si alternano  nel doposcuola e nei laboratori ludico-ricreativi riservati ai più piccoli.   

Alla base dell'iniziativa lanciata per la quinta stagione consecutiva dai produttori del Torpedino, la promozione di una nuova forma d’imprenditoria etica sviluppata sulla generosità del fare contadino, capace di restituire sapore alla vita e diffondere emozioni   che riportano al piacere del ricordo e all'orgoglio di una terra generosa dalla quale prendere esempio per un  messaggio di speranza e solidarietà.

Considerato il primo pomodoro a marchio del Lazio, il  Torpedino  è una delle proposte più innovative nel panorama orticolo italiano. Una produzione di nicchia esclusiva della Piana di Fondi che coinvolge un gruppo affiatatissimo di  produttori locali uniti dalla passione per la qualità e per le buone pratiche agricole che vedono oggi il Torpedino protagonista anche di uno studio condotto dal Creadall'Università di Tor Vergata e dalla Regione Lazio per il miglioramento qualitativo attraverso l'ottimizzazione delle risorse idriche e la salvaguardia del suolo. Attualmente il Torpedino vanta una produzione di circa 4.000 quintali all'anno rivelandosi un’eccellenza del territorio pontino e un prodotto portabandiera del Mercato di Fondi che sta raccogliendo pieno consenso tra chef e amanti della buona tavola.

Tiziana Briguglio, giornalista, agroalimentare in rosa comunicazione

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK