L’incognita dell’estate fondana

| di Veronica Ghiraldo
| Categoria: Territorio
STAMPA

Come tristemente ormai sappiamo, la città di Fondi non basa la sua economia sul turismo. È ormai un dato di fatto, inutile stare a fare giri di parole ma, quella del comune di Fondi sembra una grande beffa a danno di tutti i cittadini che, questa volta, avevano davvero creduto in una svolta.

Lo scorso marzo, infatti, si era tenuta una riunione tra l’assessore alla cultura Lucio Biasillo e le varie e numerose associazioni della città per programmare l’estate fondana. Quello che si era deciso era semplice e chiaro: presentare le varie proposte entro e non oltre il 30 aprile per permettere al comune di decidere quale scegliere e di organizzare così al meglio la stagione estiva. Si era promesso, inoltre, che entro la metà del mese di maggio sarebbe stato disponibile il calendario grazie al quale tutti avrebbero potuto conoscere gli eventi dell’estate.

Siamo ormai agli ultimissimi giorni del mese ma del calendario nessuna traccia. Ovviamente questo non è solo a discapito della popolazione fondana che, dal ritardo non ci perde molto ma, ad avere seri problemi sono i fini per  quali si era stabilita la sua uscita così in anticipo. Infatti, durante la riunione si era deciso che, anticipando il calendario, quest’anno, la città avrebbe cercato di attrarre quanti più turisti possibile avviando finalmente Fondi ad un economia turistica ben più ampia di quella che ha avuto fino ad oggi.
A quanto pare però, come spesso accade, la strada è solo lastricata di buone intenzioni che si perdono per strada non appena le parole dovrebbero soccombere ai fatti.

Veronica Ghiraldo

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK