Partecipa a FondiNotizie.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il THE END del Fondi film Festival

Condividi su:

La XII edizione del FONDI film FESTIVAL (24-29 Settembre, Auditorium comunale di Fondi – LT) si conclude Domenica 29 con la proiezione di due film e un documentario e una premiazione.

“Io sono Li” (2011) di Andrea Segre – in programma alle ore 17.00 – attraverso la vicenda di Shun Li, operaia tessile che viene trasferita a Chioggia per lavorare come barista in un’osteria dove incontra un pescatore di origini slave, affronta la tematica del lavoro dal punto di vista degli immigrati, per i quali l’incontro/scontro tra culture rappresenta un problema supplementare.

Da non perdere alle ore 19.00 la presentazione e proiezione del documentario “Non eravamo solo… Ladri di biciclette. Il Neorealismo” (2013) a cura di Carlo Lizzani e Gianni Bozzacchi, alla presenza degli autori. Nel film – presentato in anteprima alla LXX Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia solo poche settimane fa, e offerto dunque al pubblico del FONDIfilmFESTIVAL in seconda proiezione nazionale assoluta – Lizzani apre la sua finestra su un movimento cinematografico che ha saputo raccontare, con sguardo innovativo, una fase cupa ed economicamente difficile coadiuvando culturalmente la transizione del nostro Paese verso il progresso. La “lezione” di Lizzani – allievo di De Santis e in seguito uno dei maestri di questo filone – ricostruisce la nascita e lo sviluppo del Neorealismo, alternandosi alle testimonianze di illustri personalità del cinema e della cultura italiana ed internazionale tra cui Ermanno Olmi, Paolo e Vittorio Taviani, Bernardo Bertolucci, Umberto Eco, Giuseppe Rotunno, Martin Scorsese.

L’appuntamento serale delle ore 21.00 prevede la cerimonia di consegna del “Dolly d’Oro Giuseppe De Santis”, con cui l’Associazione intitolata al regista di Fondi premia annualmente un giovane cineasta emergente. Il riconoscimento 2013 sarà attribuito a Claudio Giovannesi, autore del film “Alì dagli occhi azzurri” (2012), che sarà proiettato subito dopo.

Premiato due volte al Festival internazionale del film di Roma dello scorso anno, il film di Giovannesi racconta con rara autenticità – che grazie anche alla splendida fotografia di Daniele Ciprì diventa poesia – un viaggio di formazione alla ricerca di se stessi, un’avventura di sette giorni che fa emergere la crisi di valori e lo smarrimento dovuto all’adolescenza e allo scontro fra generazioni e culture diverse.

Claudio Giovannesi è nato a Roma nel 1978. Diplomatosi al Centro Sperimentale di Cinematografia nel 2005, ha lavorato per Radio RAI, ha pubblicato recensioni cinematografiche e collaborato dal 2001 al 2004 con la redazione di “Blob” (RAI Tre). Dal 2002 ha realizzato video, cortometraggi e documentari, tra i quali “Ultimo Taglio” e “Il cellulare” (2000), “Caino” (2002), “La banda” (2003), “I gabbiani” (2004), “L’uomo uccello e l’uomo del sottosuolo” (2005), “Welcome Bucarest” (2007). Il suo primo lungometraggio è “La casa sulle nuvole” (2009), che racconta il viaggio in Marocco di due fratelli alla ricerca del padre perduto. Nel coinvolgente e complesso scenario della cultura magrebina impareranno a conoscere quel padre che gli si è negato per così tanto tempo e a prendere coscienza del sentimento del loro essere fratelli. Giovannesi ha anche realizzato come musicista le colonne sonore dei propri lavori.

Nei giorni successivi alla proiezione di Fondi, “Alì dagli occhi azzurri” approderà al Rio de Janeiro International Film Festival.

Condividi su:

Seguici su Facebook