Incendi, si applichi la Legge Quadro 353/2000: l'intervento di Legambiente

La presidente del Circolo Intercomunale “Luigi Di Biasio” ricorda come l'applicazione di tale normativa sia fondamentale per contribuire a controllare il numero roghi dolosi appiccati

| di Circolo intercomunale Legambiente "Luigi Di Biasio"
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA
I falchi di Pronto Intervento al lavoro per spegnere i numerosi incendi divampati sul territorio

Quello degli incendi, che puntualmente ogni estate si abbattono con intensità e danni sempre maggiori anche nel nostro territorio, è un fenomeno complesso da analizzare e altrettanto difficile da contrastare. Nei giorni scorsi sono andati persi ettari di vegetazione nei comuni di Fondi, Itri, Lenola e Sperlonga a Punta Cetarola e nella giornata di domenica è stato colpito il comune di Monte San Biagio proprio a ridosso del centro abitato.

“Come ribadito anche negli anni passati il primo passo è la completa ed effettiva attuazione della Legge Quadro 353/2000 – dichiara Paola Marcoccia, presidente del Circolo Intercomunale Legambiente “Luigi Di Biasio” - uno strumento fondamentale che può effettivamente contribuire a controllare il numero d’incendi dolosi appiccati sulla spinta di diversi interessi economici criminali. La Legge Quadro prevede, insieme al delitto di incendio boschivo doloso (423 bis del Codice penale), vincoli molto stringenti per le aree attraversate dal fuoco: divieto di nuove costruzioni per dieci anni e di modifica della destinazione d’uso per 15 anni. Sono vietate, inoltre, per 5 anni attività di rimboschimento e di ingegneria ambientale (con finanziamenti pubblici) salva autorizzazione del Ministero dell’Ambiente, e per 10 anni attività di pascolo e caccia. Alla violazione di questi divieti conseguono sanzioni, amministrative o penali. L’aggiornamento tempestivo annuale del catasto incendi e la sua applicazione, come previsto dalla Legge, deve essere una priorità, al fine di impedire tutto ciò che è vietato svolgere/realizzare sulle aree dove si sono verificati incendi e quindi applicare con esattezza i vincoli previsti dalla Legge”.

Secondo i dati del Rapporto nazionale Ecomafia 2021 di Legambiente, nel 2020 sono stati percorsi dal fuoco 62.623 ettari (+ 18% rispetto all’anno precedente) con 4.233 reati accertati (in crescita del 8,1% rispetto al 2019), 552 persone denunciate per reati di incendio doloso e colposo (+ 25,2% rispetto al 2019) e solo 18 persone arrestate. Manca inoltre un’integrazione fra la pianificazione dell’emergenza e delle attività di lotta agli incendi con la pianificazione territoriale in ambito agro-silvo-pastorale e di conservazione dell’ambiente.

“Gli incendi sono un pericolo per l’incolumità pubblica, ogni anno provocano la perdita di un’inestimabile risorsa di ossigeno, di biodiversità e bellezze. Il fuoco riesce a ricattare e a mettere in ginocchio un territorio con facilità estrema, danneggiandone pesantemente alcuni settori, lasciando delle ferite profonde. Le proposte e gli strumenti per fermare questi ecoreati ci sono e sono previsti dalle leggi ma occorre attuarli e applicarli. In autunno presenteremo un documento sulla questione. Ringraziamo tutti coloro che in queste ore di emergenza sono impegnati sul fronte degli incendi con grande spirito di sacrificio, dedizione e capacità”.

Circolo intercomunale Legambiente "Luigi Di Biasio"

Contatti

redazione@fondinotizie.net
mob. 393.3919141
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK